Relais Russiz Superiore: un posto magico sul Collio

L’ultimo viaggio con il mio compagno, il photo-travel blogger Guido Prosperi #ilviaggiatoreinstancabile, alla scoperta delle regioni italiane ci ha portato a visitare il Veneto e il Friuli Venezia Giulia, quest’ultimo per noi, totalmente inesplorato. Una delle tappe, tra vini, relax e natura, è stata alla Marco Felluga e Russiz Superiore, due prestigiose aziende vinicole, proprietà di Roberto Felluga, nella magica zona del Collio, in Friuli.

Percorrendo i lunghi vigneti arriviamo sul punto più alto dei 100 ettari della tenuta, 50 dei quali sono coltivati a vigneto, dove sulla sinistra troviamo la cappellina di famiglia, la casa padronale, da dove si accede direttamente all’antica cantina di invecchiamento dei vini rossi, e il Relais Russiz Superiore, ricavato nell’antica foresteria dell’azienda, lasciata in eredità da Marco al figlio Roberto.

La struttura, completamente ristrutturata, si integra perfettamente con la natura circostante: prevalgono il bianco delle pareti “decorate” con dei rami di vite che si arrampicano spontaneamente sui muri, le grandi finestre in vetro che danno la sensazione di essere sempre in mezzo al verde, e il legno del sottotetto, dei solai e di tutti i pavimenti.

Al nostro arrivo siamo stati accolti da Nicole, che dopo averci dato tutte le informazioni per il soggiorno, ci ha accompagnato alla nostra camera che si trova al secondo piano dell’edificio. Il Relais Russiz Superiore ha sette camere, non numerate in maniera classica, ma ognuna con il nome di uno dei prestigiosi vini dell’azienda. Al piano terra troviamo Picolit (dotata di servizi per persone diversamente abili), la Sauvignon, la Molamatta e la Rosso Riserva degli Orzoni. Al piano superiore ci sono invece la Caratan, la Mongris, e la Col Disore, la suite dove abbiamo avuto la fortuna di soggiornare io e Guido. Tutte le camere hanno il giardino privato o un terrazzo con una vista mozzafiato.

La suite Col Disore è composta da un ampio soggiorno con due divani-letto, un tavolo da pranzo e un’enorme lampada da tavolo che con la sua calda luce ti abbraccia quando entri nella stanza; uno spazioso bagno dotato di un fornitissimo set di cortesia e delle morbide spugne; e naturalmente una stanza, intimamente custodita da una porta scorrevole, dove si trova il letto matrimoniale con un soffice e candido piumone pronto a coccolarti tutta la notte.

L’arredamento minimal-chic è curato in tutti i dettagli, quei dettagli che ti fanno capire che la stanza, e tutti gli ambienti, sono stati arredati con gusto e amore. Tutte le camere hanno un impianto di aria condizionata e riscaldamento indipendenti; un mini-bar fornito di tantissimi vini delle due aziende Marco Felluga e Russiz Superiore.

Nell’area di fronte al relais c’è un verdissimo e curatissimo prato dove sono sistemati dei comodi lettini sui quali è possibile prendere il sole, leggere un libro in totale relax o addirittura lavorare con la connessione internet wi-fi gratuita.

Essendo in estate, abbiamo fatto colazione all’aperto sul prato all’inglese di fianco alla casa padronale. Il buffet è ricco di prodotti di alta qualità: tre tipi di confetture fatte in casa, frutta fresca, macedonia, croissant appena sfornati, tre differenti tipi di cerali, tre tipi di pane, due crostate, un plumcake e tantissimi biscotti. Su richiesta è possibile avere la colazione con prodotti salati, che per scelta (ottima direi) vengono preparati al momento. Non ci sarebbe stato modo migliore di iniziare la giornata.

Dopo la colazione, il nostro soggiorno prosegue con la conoscenza di Camilla, la PR delle due aziende, che ci ha raccontato la storia di Marco e di Roberto Felluga e dei loro vini. Inaspettato e piacevolissimo è stato il nostro “rapimento” da parte di Camilla, che ci ha portato in un meraviglioso prato terrazzato da dove si vede gran parte del Collio a fare un pic nic a base di salumi e formaggi locali, degustando un freschissimo ed equilibrato “Collio Sauvignon” dal colore giallo paglierino con sfumature verdi.

Dopo questo particolare aperitivo arricchito da un’interessante chiacchierata, Camilla ci ha accompagnato a visitare l’antica cantina interrata d’invecchiamento dei vini rossi: passeggiare in mezzo a bottiglie di pregiatissimo vino che riposano lì da anni, è un’esperienza unica che potete leggere nel racconto di Guido.

La serenità e la bellezza di questi luoghi, il sapore del vino, l’impeccabile pulizia del relais e della tenuta, la gentilezza di Nicole, la professionalità e la dolcezza di Camilla hanno reso questo soggiorno magico.

Se anche voi volete concedervi un giorno, un weekend o alcuni giorni di pace e relax, questo è il posto giusto dove prenotare… Noi non vediamo l’ora di tornare.

Photo: Guido Prosperi #ilviaggiatoreinstancabile